News

PaintExpo Eurasia 2019

Arsonsisi Istanbul parteciperà a PaintExpo Eurasia 2019, la principale fiera internazionale sulle tecnologie della verniciatura industriale nella zona dell’Eurasia, che si terrà in concomitanza con l’esposizione sul trattamento delle superfici STT Surtech Eurasia dal 7 al 9 novembre 2019 all’Istanbul Expo Center in Turchia.

paintexpo eurasia 2019 brochureIl rapido miglioramento dell’industria e dei volumi di produzione in Turchia ha generato un pari impulso alla crescita e sviluppo del mercato delle vernici industriali.

Alla 5° edizione della Fiera sono attesi più di 5.000 visitatori provenienti principalmente da Iran, Germania, Russia, Tunisia, Ucraina, Bulgaria, Egitto, Algeria, Italia, Uzbekistan.

Oltre 250 aziende tra le più importanti operanti nei diversi settori della verniciatura industriale, occuperanno uno spazio di 6.000 mq.

Arsonsisi Istanbul vi aspetta allo Stand n. 585Padiglione n.9, Istanbul Expo Center.

Maggiori informazioni su PaintExpo Eurasia 2019: http://www.paintexpoeurasia.com/

stand paintexpo eurasia 2019

Arsonsisi e Bialetti

Da 15 anni le vernici in polvere Arsonsisi danno un tocco di colore ad alcune linee delle caffettiere Bialetti che hanno avuto più successo.

Quando si parla di Moka è inevitabile pensare all’aroma, al colore e al sapore di un buon caffè fatto con la caffettiera Bialetti, che si tratti della tradizionale Moka Express o di una delle tante altre prodotte nel corso degli anni.

Bialetti Industrie

Nel 1933 Alfonso Bialetti inventa la Moka, la caffettiera in alluminio che rivoluziona il modo di preparare il caffè e che fino ad oggi, rimasta pressoché invariata nella sua forma ottagonale, ha venduto oltre 300 milioni di pezzi.

Ma la Moka Express non è l’unica creazione a marchio Bialetti. Ogni anno vengono vendute milioni di caffettiere dell’Omino coi baffi” nei diversi modelli e colori.

Visita di Arsonsisi in Bialetti
Bialetti, Coccaglio (Bs). Da sisnistra: Cristoforo Brendas (Arsonsisi), Marco Vanoli (Bialetti), Patricia Malavolti (La Rivista del Colore).

La collaborazione tra Arsonsisi e Bialetti inizia nel 2004, in occasione del lancio della Mukka Express, la caffettiera color panna e nero, che richiama il manto della mucca maculata, l’unica che permette di realizzare un cremoso cappuccino espresso.

Più tardi, Arsonsisi sviluppa degli epossipoliesteri e poliesteri per diverse linee di caffettiere tra le più conosciute: i colori opachi per la Fiammetta (2011-2013), il verde per la Break Alpina (2012-2019); il rosa per la Moka Express nell’edizione speciale per il Giro d’Italia (2012-2013); i colori per le versioni Glamour della Dama (2012-2016) e il giallo oro per la collezione di Natale (2016-2018) di cui sono stati venduti oltre 30.000 pezzi.

Collezione Natale 2019 Rose Gold
Il nuovo colore Rose Gold della collezione Natale 2019 di Bialetti.

Dopo il successo di quest’ultima serie, l’ultimo progetto realizzato in casa Bialetti è la nuova collezione natalizia nel colore Rose Gold, che vede la Mokina, la Moka Express (1, 3, 6 tazze) e la Fiammetta tingersi di oro rosa trasparente, un epossipoliestere sviluppato da Arsonsisi.

«Volevamo qualcosa di nuovo, elegante e ricercato per valorizzare al massimo l’icona Moka Express. Il nostro ufficio Stile, attraverso lo studio e l’analisi dei trend estetici e stilistici, ha proposto un’inedita collezione con protagonista il colore Rose Gold shining. Un caldo colore delicato e allo stesso tempo prezioso per rendere la nostra caffettiera la vera regina del caffè».

– Spiega Marco Vanoli, Product Manager in Bialetti –

«Non è stato facile, ci sono volute diverse campionature prima di trovare il giusto equilibrio tra il colore e l’effetto trasparente sulla caffettiera dopo l’applicazione della vernice. Grazie al lavoro del laboratorio Arsonsisi abbiamo ottenuto il risultato desiderato».

Una volta deciso il colore, sui campioni di vernice Bialetti conduce due tipi di test di tenuta nel suo laboratorio: resistenza fisica della vernice e resistenza alla macchia. Sono test molto aggressivi, ma indispensabili per la selezione della vernice.

Siamo molto soddisfatti che la nostra vernice sia stata scelta per il colore di punta della prossima collezione natalizia e soprattutto siamo felici di continuare a collaborare con Bialetti Industrie perché ritroviamo quella passione per l’eccellenza italiana, la ricerca nell’innovazione e la costante cura per la qualità che condividiamo in Arsonsisi. Commenta Cristoforo Brendas, Direttore Vendite Vernici in Polvere Italia in Arsonsisi.

 

uv curing coatings competence centre

La redazione della rivista ipcm® International Paint & Coating Magazine visita lo stabilimento Arsonsisi di Berlingo per la produzione delle vernici liquide e intervista il dr. Stefano Lazzerini sulla tecnologia delle vernici UV.

Ipcm®: Ci parli dell’importanza della Ricerca & Sviluppo per Arsonsisi

Dr. S. Lazzerini: Per Arsonsisi la Ricerca&Sviluppo è il cuore del business, poiché solo stando al passo con le esigenze mutevoli del mercato è possibile rimanere competitivi.

stefano_lazzerini
Dr. Stefano Lazzerini, Business Manager e UV Product Manager di Arsonsisi.

A questo proposito Arsonsisi ha creato all’interno dello stabilimento produttivo di Berlingo un Competence Centre dedicato esclusivamente allo sviluppo della tecnologia UV, avvalendosi della collaborazione di impiantisti, laboratori di analisi e fornitori di materie prime, e gestendo progetti specifici con clienti e istituti di ricerca.

Oltre al laboratorio per lo sviluppo delle vernici UV, a Berlingo abbiamo un laboratorio di collaudo delle materie prime e dei prodotti finiti e un laboratorio di ricerca dei prodotti termici non UV.

Ipcm®: Com’è strutturato il Competence Centre per le vernici UV?

Dr. S. Lazzerini: Il laboratorio per lo sviluppo delle vernici UV è dotato di una cabina a spruzzo a secco, un dispersore COWLES da banco per la preparazione di prodotti pigmentati fino a 40 kg, strumentazione da laboratorio standard, e di un tunnel UV.

competence centre UV coatings
Il laboratorio delle vernici UV.

Il dispositivo di polimerizzazione UV fornito da UV Ray di Cornaredo è l’ultima innovazione del laboratorio.

Abbiamo introdotto questo nuovo dispositivo per rendere più fluida l’attività del nostro laboratorio: a questo scopo abbiamo espressamente richiesto a UV Ray di dotare il forno di una teca in materiale plastico per evitare all’operatore l’utilizzo di occhiali di protezione dai raggi UV, che potrebbero risultare dannosi per la vista. Questo facilita il suo lavoro.

Inoltre, in precedenza c’era un solo tunnel UV che asserviva sia il laboratorio di collaudo che il laboratorio per le vernici UV, con le difficoltà di sovrapposizione che si possono ben comprendere.

Oggi, grazie al forno UV Ray, abbiamo separato le due attività e risolto anche questa problematica.

dispersore cowles
Il dispersore cowles.
applicazione cabina a secco
Applicazione nella cabina a secco.

Ipcm®: Quali sono i vantaggi del tunnel UV?

Dr. S. Lazzerini: Avevamo la necessità di trovare uno strumento che permettesse all’operatore di impostare parametri variabili, senza vincolarlo ad una tipologia di oggetto o a un processo specifico.

tunnel uv
Il tunnel UV Ray.

Il tunnel UV Ray ha risposto molto bene a queste esigenze, poiché si tratta di un sistema molto versatile ed efficiente.

Offre innanzitutto la possibilità di modulare la velocità di avanzamento del pezzo posizionato sul nastro trasportatore; consente di variare l’altezza della lampada UV, aumentandone o meno la distanza dal campione, così da rendere possibile la polimerizzazione anche di oggetti tridimensionali con geometrie complesse; permette, infine, di modulare la potenza della lampada al mercurio da pochi Watt/cm2 fino ad una potenza massima specifica di 180 W/cm2.

Un ulteriore benefit è rappresentato dal risparmio energetico che il sistema consente. L’accensione e lo spegnimento di una lampada UV comportano la perdita di 3 ore della durata di vita utile dello strumento e la sua conseguente rapida usura. Il tunnel UV Ray è in grado di entrare in modalità standby per consentire il risparmio energetico della lampada.

La flessibilità di questo dispositivo è per noi fondamentale dal momento che il settore UV è in profonda espansione e ogni giorno il mercato ci sottopone richieste molto diverse tra loro sia per tipologia di oggetti che per dimensioni. Uno strumento dalle caratteristiche così elastiche ci permette di soddisfare queste esigenze particolari.

Ipcm®: Quali sono le attuali ricerche che impegnano il laboratorio UV?

Dr. S. Lazzerini: Ci stiamo concentrando sulle vernici pre- e post-UV per sputtering per materiali plastici e metallici, sulle vernici UV al 100% di secco, sulle vernici UV all’acqua, sulle vernici indurenti con lampade LED e sulle vernici UV per l’industria automotive.

polimerizzazione tramite raggi uv
Polimerizzazione base-coat per plastiche tramite raggi UV.

Per quanto riguarda lo sviluppo delle vernici UV che induriscono con le lampade LED, il sistema UV Ray è già stato predisposto dal fornitore per l’eventuale aggiunta delle lampade LED o sostituzione di quella attualmente in uso al mercurio.

L’intenzione è quella di dedicarci allo sviluppo di questa tipologia di vernici in futuro, ma abbiamo già cercato uno strumento che permettesse la sostituzione delle lampade senza la necessità di acquistare uno strumento specifico con lampade a LED.

Ipcm®: Com’è lo stato dell’arte delle vernici PVD/Sputtering?

Dr. S. Lazzerini: Fino a quando il legislatore non darà un termine definitivo per imporre il divieto di utilizzo del cromo VI, il mercato – e in particolare l’industria automotive – continuerà a impiegare i cicli tradizionali e a mettere in competizione il processo galvanico con la tecnologia di deposizione a vapore fisico PVD, che è l’alternativa più ecologica in commercio e che, oltre a dare gli stessi risultati, consente di trattare materiali diversi.

A questo proposito, abbiamo sviluppato 3 cicli per le vernici PVD Sputtering:

  • Un ciclo base con vernice UV + deposito sputtering + vernice UV post-sputtering anche Dual Cure, che permettono di indurire il prodotto anche dove il raggio UV non colpisce direttamente la superficie;
  • Un ciclo misto costituito da una base con vernice UV + deposito sputtering + vernice termica di post-sputtering, in genere si tratta di smalto poliuretanico alifatico;
  • Un ciclo con vernici UV pre-sputtering + deposito sputtering a finire. Con questo sistema, la maggiore permanenza del supporto nella camera di sputtering consente di ottenere uno spessore più elevato, per cui la riverniciatura non risulta più necessaria.

Ipcm®: Come vede il futuro dell’UV?

Dr. S. Lazzerini: La nostra divisione R&D ha concluso e presentato al mercato numerosi progetti. Altre ricerche sono concluse, ma faticano ad essere accettate dal settore, come per esempio quelle relative alle vernici in polvere per MDF.

Le difficoltà principali, rilevate soprattutto per i terzisti di verniciatura, sono riscontrabili nella consistenza dell’investimento che l’utilizzatore deve affrontare per installare un impianto di polimerizzazione UV ottimizzato anche per reticolare le vernici su pezzi 3D complessi e giustificato da grossi lotti produttivi.

pvd sputtering_uv coatings
Esempi di prototipi verniciati con base UV + Sputtering + top coat UV.

Ma ormai i quantitativi massivi si sono spostati in Cina, mentre i verniciatori europei tendono a caratterizzare la propria produzione applicando rivestimenti speciali su piccoli lotti: in questa ottica trova problematico effettuare un investimento di grande portata.

Invece, i cicli con vernici PVD Sputtering sono stati messi a punto e lavorano bene, tanto che iniziano ora ad essere richiesti dai clienti più lungimiranti – anche galvaniche tradizionali – che vogliono evitare di trovarsi in difficoltà quando il legislatore eliminerà definitivamente l’utilizzo del CrVI.

Ovviamente la nostra ricerca non si può fermare ai risultati ottenuti e aver trovato partner affidabili per la fornitura della giusta strumentazione è un’ulteriore garanzia che i nostri progetti possono essere sviluppati in modo flessibile e veloce e con le corrette misure di sicurezza per i nostri operatori.

visita redazione ipcm
Da sinistra, Monica Fumagalli (ipcm®), Francesco Italiano (Arsonsisi), Marco Sotti (ipcm®), Stefano Lazzerini (Arsonsisi) durante la visita al Competence Centre per le vernici UV di Arsonsisi.

Scarica il pdf e leggi l’intero articolo negli “Highlight of the month” del numero 56 marzo/aprile 2019 di ipcm®!

ipcm 56 2019 articolo arsonsisi

team riunione agenti 2019

L’organizzazione commerciale delle vernici in polvere in Italia si è riunita settimana scorsa a Gerenzano per il consueto appuntamento annuale.

Il meeting è iniziato con una panoramica sui risultati ottenuti nel 2018 dal Gruppo Arsonsisi presentata da Ivan Fornari – Sales Director Industrial Coatings.

Riunione Agenti Italia Arsonsisi

Il 2018 è stato un anno positivo per Arsonsisi, soprattutto per il business delle vernici liquide. Il mercato dell’E-coat è in costante crescita, le polveri in Italia hanno rafforzato la presenza in diversi settori merceologici e hanno visto un aumento del 20% nei volumi e del 25% nel fatturato.

Nonostante lo scenario d’incertezza e il rallentamento dell’economia italiana riscontrato alla fine dello scorso anno, le previsioni di Arsonsisi per il 2019 fanno ben sperare a una riconferma di questi risultati per il mercato nazionale delle vernici in polvere.

Se l’analisi dei numeri non può mancare nelle riunioni, fare squadra è ancora più importante e questo spirito si è decisamente sentito durante l’incontro, cominciato con entusiasmo già la sera prima a cena.

Essere parte di Arsonsisi, vuol dire appartenere al principale Gruppo industriale italiano nell’ambito del settore coatings. Da diversi anni il marchio Arsonsisi è riconosciuto dagli operatori del settore, sia in Italia che in Europa, come sinonimo di qualità, competenza ed esperienza professionale nella produzione di vernici industriali tecnologicamente avanzate. – Commenta Ivan Fornari – Grazie al contributo di tutti abbiamo vinto diverse partite, ma vogliamo vincere il campionato!

L’impegno e la professionalità permettono di raggiungere qualsiasi risultato e il lavoro di squadra divide i compiti e moltiplica il successo. Nessuno di noi è tanto in gamba quanto noi tutti messi insieme!

Cristoforo Brendas, Business Manager Polveri Italia di Arsonsisi.
Cristoforo Brendas, Business Manager Polveri Italia di Arsonsisi.

Così interviene Cristoforo Brendas, Business Manager Polveri Italia, per motivare il suo team davanti alle sfide e agli obiettivi di vendita per il 2019.

A sostegno della forza vendita ci sono l’ampia gamma di prodotti costantemente a stock che verrà prossimamente ampliata, le numerose campionature realizzate dal laboratorio Ricerca e Sviluppo, e il supporto tecnico specializzato capace di offrire soluzioni e prodotti efficaci per ogni tipo di mercato.

La seconda parte della riunione si è incentrata sulle tecniche e sugli strumenti di marketing, con una particolare attenzione alle promozioni riservate all’e-commerce e alle iniziative rivolte alle collezioni Special Collections e Top Quality Collection J 20.20, che stanno avendo molto successo.

E per concludere, un confronto aperto a tutti, dove la partecipazione e il contributo attivo degli agenti hanno suggerito nuovi miglioramenti e posto le basi per confermare gli obiettivi di crescita per il 2019.

verniciatura-in-polvere-per-mdf-VI-605

La rivista Verniciatura Industriale incontra Cristoforo Brendas di Arsonsisi per un confronto sulla tecnologia della verniciatura in polvere per MDF (Medium density fiberboard – pannelli di fibra a media densità) con polveri a bassa temperatura di polimerizzazione.

Cristoforo Brendas
Cristoforo Brendas, Business Manager Polveri Italia di Arsonsisi.

L’industria del legno rappresenta il settore che trarrebbe maggiori vantaggi dalla tecnologia delle vernici in polvere a bassa temperatura.

Questa è la ragione che ha spinto Arsonsisi a concentrare il lavoro sullo sviluppo di formulazioni che incontrino le necessità del vasto mercato dell’MDF, un supporto tecnico largamente usato nell’industria del legno.

Per ottenere buoni risultati di rivestimento è però necessario avere una buona conoscenza di questo materiale, dal momento che la formulazione e la produzione dell’MDF influenzano considerevolmente la qualità della verniciatura.

Le prestazioni complessive di un pannello in MDF verniciato a polvere variano sostanzialmente al variare delle seguenti caratteristiche del materiale: verniciabilità, conducibilità, profondità dei solchi, levigatura, resistenza ai crateri nei bordi, degasaggio (rilascio di umidità e additivi).

Mediante un’attenta selezione delle resine, degli additivi e delle fibre di legno utilizzate è possibile produrre MDF ottimale per l’applicazione delle vernici in polvere.

I vantaggi legati all’utilizzo delle vernici in polvere sull’MDF in sostituzione dei rivestimenti laminati sono svariati: libertà di design (possibilità di forme curve e bordi senza giunzioni), flessibilità in termini di colori e aspetto superficiale, uniformità del testurizzato sia a livello visivo che tattile, semplicità di applicazione, rapida maneggiabilità, riduzione dei costi di processo.

Inoltre, impiegate in sostituzione delle vernici liquide, esse consentono: eliminazione delle emissioni di VOC, facile riciclo con utilizzo del 97% della vernice spruzzata, assenza di trattamento dei rifiuti, applicazione completa sui bordi in fase unica, eliminazione o riduzione delle levigature intermedie.

L’applicazione delle vernici in polvere e le polveri a polimerizzazione UV

Il metodo tradizionale di applicazione della vernice in polvere si basa su tecniche elettrostatiche e necessita quindi di supporti conduttivi per lavorare.

L’MDF è un materiale poco conduttivo, ma esistono dei metodi per renderlo tale, come l’introduzione di agenti conduttivi nella sua formulazione o l’applicazione di un primer liquido conduttivo prima di verniciare a polvere il supporto una volta asciutto.

pannello MDF

Il metodo più efficace è il pre-condizionamento tramite lampade IR da entrambi i lati del pannello, la cui temperatura all’uscita dal forno a infrarossi deve essere di circa 90°C.

Il rivestimento del supporto deve avvenire entro massimo 1 o 2 minuti dal processo di preriscaldo tramite pistola tribo o corona.

I risultati migliori si ottengono usando una combinazione di infrarossi e calore di convezione. In alternativa, è possibile utilizzare anche solo il riscaldamento a infrarossi.

È fondamentale usare MDF di qualità adeguata: alcuni supporti sono così conduttivi che la polvere può essere applicata senza l’utilizzo del preriscaldamento. Tuttavia, poiché la qualità dell’MDF può variare da un lotto all’altro, è consigliabile un preriscaldamento per ottenere una distribuzione uniforme dello spessore del film da un pezzo all’altro.

Il preriscaldamento leggero con IR permette la migrazione degli additivi dal substrato di MDF alla superficie, rendendo il pannello più conduttivo e facile da rivestire.

La gamma Selac® XFC – Extra Fast Curing Powder a bassa temperatura di cottura (20’ a 150°C invece dei tradizionali 180°C) e quella delle polveri Selac® UV sono il risultato del lavoro quindicennale dei laboratori R&D Arsonsisi: vernici in polvere termoindurenti per reticolazione termica (XFC) o UV.

Considerati i costi/m2 inferiori rispetto ai prodotti UV, le polveri Selac® XFC sono particolarmente indicate in presenza di richieste qualitative non elevate come mensole, porta TV/PC, scrivanie e mobili standard per uso generale. Il ciclo di verniciatura prevede un unico passaggio di fusione e polimerizzazione, con tempi complessivi di processo oscillanti tra i 10 e i 15 minuti.

I prodotti Selac® UV invece si utilizzano per richieste qualitative elevate quali arredamenti per ufficio, cucine e altro in virtù delle superiori proprietà meccaniche e chimiche che li caratterizzano.

I cicli a base di polveri fotopolimerizzabili impartiscono ai manufatti uno stress termico molto ridotto rispetto a quelli con prodotti termoreticolabili XFC, con temperature massime di circa 120°C, e necessitano di tempi di processo complessivi di circa 5 minuti, seppure su impianti specificamente concepiti per garantire l’omogeneo irraggiamento dei pezzi.

Attualmente esistono poche linee a polveri UV e XFC per MDF, ma è attesa un’evoluzione in questo settore, dove Arsonsisi sta conducendo un’analisi di mercato per definire i bisogni e trovare nuove soluzioni.

Scarica il pdf e leggi l’articolo completo di Verniciatura Industriale.

Articolo La verniciatura per MDF VI 605

festa della verniciatura industriale

Il 25 ottobre Arsonsisi partecipa alla giornata di festa della verniciatura industriale organizzata dalla redazione La Rivista del Colore in occasione dei suoi 50 anni nella splendida sala del Cenacolo del Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.

festa della verniciatura sala cenacolo

La Rivista del Colore celebra il suo cinquantesimo compleanno e fa il punto sui prossimi 50 anni di verniciatura industriale insieme agli esperti del settore nei relativi campi di attività nella manifattura, nell’economia, nella progettazione, nell’istruzione e nei trattamenti delle superfici.

Una giornata di festa, di riflessione sul passato, presente e futuro della verniciatura industriale, e di sensibilizzazione sul concetto di sostenibilità, avvalorato dalle testimonianze di imprenditori e professionisti che hanno condiviso con i presenti le proprie visioni ed esperienze differenti.

Cosa è cambiato nel corso dei decenni nel mondo della verniciatura industriale?

100 anni di arsonsisi nel libro storia della verniciatura industriale
Arsonsisi racconta la storia dei suoi 100 anni nel volume dedicato alla verniciatura del metallo e della plastica nel libro “Storia della verniciatura industriale in Italia” de La Rivista del Colore.

La risposta si può ricercare nel libro “Storia della verniciatura industriale in Italia”.

La Rivista del Colore ripercorre il suo lungo cammino attraverso le pagine delle sue riviste, che scandiscono il tempo e narrano la storia della verniciatura industriale dagli anni ’60 ad oggi, arricchita dai racconti delle aziende che hanno vissuto questi anni di cambiamento da protagoniste.

E tra queste realtà imprenditoriali non poteva mancare la voce di Arsonsisi, che proprio lo scorso anno ha celebrato i suoi 100 anni di attività.

Carlo Junghanns nella tavola rotonda sulla ricerca
Carlo Junghanns, presidente di Arsonsisi, invitato alla tavola rotonda sulla ricerca, parla del progetto Colore Sicuro di Assovernici.
Stefano Lazzerini
Stefano Lazzerini, Business Manager Liquid Coatings – Div. Specialties e UV Product Manager di Arsonsisi, interviene nella tavola rotonda dedicata alle vernici intelligenti.

Il libro, presentato in anteprima durante l’evento, è edito in due volumi dedicati ai settori del metallo e della plastica, ed a quello del legno, scritti rispettivamente da Danilo O. Malavolti – presidente di Anver – e Gianni Giardina – ex titolare dell’azienda Giardina Officine Aeromeccaniche.

Nel pomeriggio i rappresentanti di Arsonsisi, insieme a quelli di altre aziende produttrici di impianti, apparecchiature, sistemi, vernici in polvere e vernici liquide, materie prime, ed esponenti del mondo accademico, si sono confrontati in una tavola rotonda sui temi della sostenibilità, ricerca, innovazione ed economia circolare, e insieme hanno guardato al futuro della verniciatura industriale.

La giornata si conclude con la visita guidata del sottomarino Toti, recentemente restaurato grazie all’impegno del Fondatore de La Rivista del Colore Danilo O. Malavolti ed il contributo di alcune aziende del settore.

 

vernici arsonsisi certificate MED dal RINA

Le vernici in polvere Arsonsisi sono state certificate dai laboratori RINA (Registro Italiano Navale) secondo la Direttiva Europea sugli Equipaggiamenti Marittimi (MED) 2014/90/EU e successive modifiche ed integrazioni per l’applicazione industriale in ambito navale.

Le certificazioni MED modulo B e D attestano la piena conformità delle vernici contro la bassa propagazione della fiamma su superfici di equipaggiamenti per allestimenti interni navali.

I prodotti Arsonsisi che soddisfano tali prescrizioni sono le vernici in polvere epossidiche serie B; poliesteri serie J, Y, Z; epossipoliestere serie E, F, G, H, K, PH, Q, X.

Siamo molto soddisfatti di aver ricevuto l’omologazione di numerose serie di diversa natura chimica con un’ampia scelta di finiture ed effetti per il settore navale. L’aver superato i severi test previsti dalla Direttiva MED è un’ulteriore attestazione della qualità dei nostri prodotti.
Commenta Ivan Fornari, Direttore Commerciale Arsonsisi Technological Coatings.

Certificati MED (moduli B-D) epossidiche Arsonsisi.

certificati RINA MED B-D epossidiche Arsonsisi

Certificati MED (moduli B-D) poliesteri Arsonsisi.

certificati RINA MED B-D poliesteri Arsonsisi

Certificati MED (moduli B-D) epossipoliesteri Arsonsisi.

certificati RINA MED B-D epossipoliesteri Arsonsisi

nuovo ecommerce arsonsisi

Completamente rinnovato nella sua veste grafica e nei percorsi di navigazione, il nuovo e-commerce di Arsonsisi è stato disegnato e sviluppato per migliorare l’esperienza utente e facilitare il processo di acquisizione e gestione degli ordini online delle vernici in polvere.

carrellino-ecommerce-arsonsisi

Cristoforo Brendas – Business Manager Polveri Italia – e Luca Troiani – Area Manager Polveri Italia e capo progetto del nuovo e-commerce Arsonsisi – ci parlano del portale realizzato da Overweb, società milanese di IT e servizi web.

Cosa vi ha spinto a creare un e-commerce per le vernici in polvere qualche anno fa?

CB: Arsonsisi ha lanciato la sua prima versione dell’e-commerce nel 2014 per dare ai terzisti maggiore flessibilità ed autonomia nella gestione degli ordini delle polveri. Siamo stati i primi in Italia ed è stata una scelta coraggiosa.

Per servire meglio i clienti abbiamo voluto mettere online i prezzi e la disponibilità dei nostri prodotti. In un certo senso è come se avessimo messo il nostro magazzino sulla scrivania del cliente.

Perché avete deciso di rinnovarlo?

nuovo-ecommerce-arsonsisi-luca-troiani-arsonsisi
Luca Troiani, Area Manager Polveri Italia e capo progetto del nuovo e-commerce Arsonsisi.

LT: Il primo portale ci ha portato sicuramente dei buoni risultati, ma il mondo digitale è in continua evoluzione ed è importante rimanere sempre al passo coi tempi se si vuole essere competitivi.

Il nuovo e-commerce è stato realizzato con Magento, uno dei CMS open source migliori e più utilizzati oggi, che offre molteplici funzionalità per lo sviluppo di piattaforme per gli acquisti online.

Adesso possiamo proporre ai nostri clienti uno strumento innovativo e completo.

Rispetto alla prima versione, cosa è cambiato?

LT: Il nuovo portale di Arsonsisi ha i requisiti di un e-commerce moderno e funzionale, è fruibile e capace di valorizzare la shopping experience dell’utente.

Abbiamo rivisto il design, migliorato il percorso di navigazione ed il processo di gestione dell’ordine, ed abbiamo ottimizzato la ricerca interna con filtri più chiari ed intuitivi per colore, prezzo, effetto finitura e natura chimica.

nuovo-ecommerce-arsonsisi-ricerca-per-categoria
La funzione di ricerca interna del nuovo e-commerce Arsonsisi è stata ottimizzata per colore, prezzo, effetto finitura e natura chimica.

Di conseguenza, sono stati valorizzati i punti di forza del servizio d’acquisto online, ovvero: velocità, comodità, convenienza, semplicità, sicurezza e facilità di accesso dai dispositivi mobile, ormai d’obbligo per qualunque sito web o e-commerce.

Una novità importante riguarda l’assortimento dei prodotti nel catalogo online, perché il cliente oggi può ordinare dal portale anche i codici che non sono costantemente a stock.

Inoltre, con questa nuova piattaforma siamo in grado di proporre nuove tipologie di promozioni più mirate alle esigenze dei clienti.

Quali sono i vantaggi del cliente che ordina online le vernici in polvere?

nuovo-ecommerce-arsonsisi-cristoforo-brendas
Cristoforo Brendas, Business Manager Polveri Italia.

CB: In sostanza sono gli stessi che può avere quando fa acquisti privati tramite gli e-commerce più utilizzati: prezzi più convenienti e promozioni riservate; accesso al proprio account cliente per consultare lo storico ordini e le fatture; velocità di processione dell’ordine e sicurezza nei pagamenti.

Il nostro e-commerce è di supporto anche alle attività del cliente, perché nella pagina di ogni prodotto, oltre alla sua descrizione, trova subito le informazioni utili alla preparazione ed applicazione della vernice e può scaricare in ogni momento la scheda tecnica di tutti i codici presenti nel catalogo online.

Quali sono le vostre aspettative?

CB: Portare il maggior numero di clienti a sfruttare appieno il potenziale offerto dal web, perché crediamo sia il futuro e vorremo essere noi ad accompagnarli in questo percorso.

Arsonsisi produce un’ampia gamma di vernici industriali. Oltre alle polveri, pensate di vendere online altri prodotti vernicianti prossimamente?

LT: Al momento il servizio è attivo solo per l’acquisto delle vernici in polvere in Italia, ma contiamo di estenderlo presto anche all’estero ed alla vendita delle altre linee di vernici industriali di Arsonsisi.

Scopri il nuovo ecommerce Arsonsisi!

ecommerce arsonsisi

team-vendita-nuovo-ecommerce-arsonsisi

Per potenziare la nostra rete di vendita all’estero, ricerchiamo agenti e distributori nei seguenti paesi:
Germania, Francia, Ungheria, Spagna, Regno Unito, Svizzera e Paesi Scandinavi.

Entra a far parte del nostro team!

Per maggiori informazioni contatta:
info@arsonsisi.com
tel: + 39 02 93754600

arsonsisi ricerca agenti distributori esteri

xylexpo 2018

Il 10 maggio Arsonsisi parteciperà al convegno “Verniciatura: i nuovi orizzonti della sostenibilità” organizzato alla Xylexpo Arena dal Dipartimento di chimica, materiali e ingegneria chimica “Giulio Natta” del Politecnico di Milano e da CATAS, con il patrocinio di Poliefun.

xylexpo_2018In occasione di Xylexpo 2018 – la biennale internazionale delle tecnologie e delle forniture per l’industria del legno e del mobile – che si terrà a FieraMilano-Rho da martedì 8 a sabato 12 maggio 2018, alla Xylexpo Arena sono stati organizzati quattro incontri di approfondimento su diversi aspetti del processo produttivo dei mobili.

Una serie di conferenze di grande interesse che vedrà la presenza di una quindicina di relatori in rappresentanza di imprese e multinazionali di chiara fama, fra cui Arsonsisi che interverrà il 10 maggio al convegno “Verniciatura: i nuovi orizzonti della sostenibilità”.

Le vernici sono da sempre uno degli spazi di confronto più condizionanti sul versante della sostenibilità del processo di produzione di qualsiasi manufatto. Molti passi in avanti sono già stati compiuti e molti altri se ne stanno facendo, grazie alla continua evoluzione di prodotti e processi stimolati dalla ricerca.

cristoforo brendas xylexpo arenaCristoforo Brendas, Business Manager Polveri Italia di Arsonsisi, porterà la sua testimonianza sul tema “Vernici in polvere per supporti termosensibili”.

Il ciclo di incontri nasce dalla collaborazione fra il Dipartimento di Chimica, materiali e ingegneria chimica “Giulio Natta” del Politecnico di Milano e Catas, il più importante laboratorio europeo di prove, ricerca e formazione nel settore del legno-arredo e gode del patrocinio di Poliefun, associazione nata in seno al Politecnico di Milano che raccoglie le aziende del settore del trattamento delle superfici e il mondo universitario, promuovendo lo sviluppo della cultura d’impresa, la ricerca consapevole e l’innovazione.

Gli incontri si terranno nelle giornate da martedì 8 a venerdì 11, dalle ore 14.30 alle 16.00, presso la Xylexpo Arena, luogo di incontro e di dibattito realizzata nel padiglione 4, stand C31/D32.

Per maggiori informazioni sul programma consultare:
http://www.xylexpo.com/
https://catas.com/it-IT/news/finitura-e-incollaggio-la-via-della-sostenibilita